A me stessa, con tanta speranza.

Ciao a tutti.
Ho conosciuto una persona che mi piace tanto. Si chiama Andrea.
Ora.. io, scrivendo sul blog, raramente faccio dei riferimenti espliciti alla mia vita quotidiana… perché sono estremamente riservata ed inoltre, questo è l’angolo delle cose che ho dentro, senza nessun collegamento a qualcosa che lo contaminerebbe e basta.
Però ho deciso di parlarvi di questo ragazzo, perché mi piace tanto.. e insieme a lui di me.
Non sono mai stata fortunata in amore. Colleziono persone sbagliate da una vita ed il problema è che tutte sono accomunate da qualcosa, che nella maggior parte dei casi è la musica.
Ho un fiuto strano per questo tipo di cose. Vedo un ragazzo, mi piace e dopo vengo a sapere che suona uno strumento musicale e che ascoltiamo gli stessi generi. Forse la mia anima ha una bussola che invece di indicare il Nord, indica una strada che va oltre ogni aspetto fisico e caratteriale, che è collegata con qualcosa che ho dentro e non riesco a capire nemmeno io.
Comunque Andrea suona e ascolta musica che mi piace. E, a detta delle mie amiche, siamo veramente molto simili.
Io non faccio mai niente quando mi piace qualcuno.. perché sono (o forse ero) una di quelle che pensa che ad indossare i pantaloni non dovremmo essere noi donne. Però, ahimé, ho constatato che delle volte è l’unica soluzione possibile.. e siccome è tanto (TROPPO) tempo che sono sola, ho deciso di prendermi la briga di fare qualcosa di concreto e di provarci, ma soprattutto di crederci.
Lui è molto ambiguo.. non so se capirà mai che mi piace (anche se lo hanno capito tutti ormai) o se mi darà mai un’opportunità.. sta di fatto che non farà mai niente per me. Forse perché non gli piaccio, forse perché è troppo timido, forse perché ha troppa poca autostima. Ma a me piace. Anche quando inciampa mentre mi saluta o apre la porta di casa sua in pigiama. Mi piace sempre. Soprattutto quando sorride o quando parla con il suo romano da “uomo tutto di un pezzo” e poi ascolta le canzoni più dolci che possano esistere.

Ora ho capito cosa intendevano le persone quando mi dicevano che vivevo in un mondo tutto mio e che dovevo “varcare la soglia” prima che sarebbe stato troppo tardi.
Dopo L. ho chiuso in una fortezza il mio cuore. Perché ogni volta che mi sarebbe potuto piacere qualcuno, ho sempre trovato mille scuse per abbandonare tutto, per paura di soffrire. Ed il bello è che io ci credevo davvero! Mi son raccontata talmente tante balle, che ho cominciato a viverci dentro e a crederci.
Quest’anno però ho conosciuto una persona che mi ha fatto cambiare idea. Perché lei dice che nelle cose bisogna crederci e che se ti piace qualcuno, ci devi provare fino in fondo.
Ecco Andrea, io con te voglio provarci fino in fondo.. anche se dovrò fare altre mille figuracce o se dovrò spezzarmi il cuore …o se dovrò abbandonare tutto quello che ho pensato fino ad oggi. Tu sei la mia finestra sul mondo. E se mi permetterai di aprirla, ti darò tutto l’amore che c’è.
Non sarà facile questa volta (ogni tanto mi volto ancora indietro). Perché tu non mi aiuterai mai e probabilmente non ti interesso nemmeno. Però voglio provarci e, se andrà male, non fa niente. Nella sofferenza invece di chiudermi, aprirò ancora di più il mio cuore lacerato, perché, come dice qualcuno, le proprie cicatrici bisogna mostrarle con fierezza.

Auguro a me stessa di riuscirci, perché sto facendo un passo da gigante (o da dinosauro, spero non da granchio) ed anche che lui se ne accorga un po’, che si accorga che mi piace nonostante non sia perfetto, nonostante i suoi buffi modi di fare.
Mi vergogno un po’ a scrivere queste cose… però metterle nero su bianco è anche un modo per ricordare a me stessa che dovrò provarci. Che mi farò male, ma non posso continuare a vivere in un igloo di sofferenza.
Voglio aprirmi alla vita ed essere felice. Anche farmi male. Ma avere sempre la forza di alzarmi e di ricominciare.
Con speranza,
Scarlett.

 

Annunci

8 pensieri riguardo “A me stessa, con tanta speranza.”

  1. Se è lui che ti piace beh….sia il più possibile spontanea. Non si può rinunciare all’amore perchè si pensa all’eventuale sofferenza…ma chi l’ha detto poi!
    Tranquilla…e in bocca a lupo!

    Parere del tutto personale,….

    ciao
    .marta

  2. Brava Scarlett (ti chiami come la mia auto!). In bocca al lupo, ti auguro che tu raggiunga il tuo obiettivo. Ti sono solidale 🙂

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...