Pensieri in solitudine

Ho riflettuto a lungo sulla solitudine , forse perché mi sento parecchio sola ultimamente… La conclusione a cui sono arrivata è che in realtà ci sentiamo soli in primis quando non ci sentiamo bene con noi stessi e  quando contiamo troppo sugli altri. Sono sempre stata una persona abbastanza insicura, quindi ho sempre avuto bisogno di aiuto nelle scelte della mia vita e, quando ho qualcosa che non va, subito ne devo parlare con qualcuno. E’ una necessità.. sicuramente essere ascoltati senza giudizi è un desiderio e un bisogno di tutti  però è molto difficile da realizzare. Anche perché almeno io non mi riesco ad aprire con chiunque.

Da ciò ho capito che uno dei motivi principali per cui ci si sente soli è che spesso confondiamo l’amicizia con la dipendenza da quella persona e siamo troppo insicuri di quello che pensiamo. Sicuramente parlare con gli altri fa bene perché insomma.. siamo essere umani!!
Ognuno di noi dovrebbe avere ben chiaro quello che vuole, sapere che cosa ci piace e avere una propria autonomia nelle scelte che prendiamo ogni giorno. Poi dopo questi principi, dovremmo sentire il bisogno di parlare con qualcuno, non prima. Non possiamo aspettarci che tutti ci siano sempre per noi e nemmeno che tutti ci vogliano bene. Dobbiamo stare soli con noi stessi…anche se non dormiamo la notte, perché questo ci rende più forti e così lo diverremo anche per le persone che amiamo. Non bisogna pensare che una persona amica ti possa sempre stare vicino, alcune volte dobbiamo badare da soli a noi stessi ed esercitare le nostre spalle perché solo quelle ci porteranno veramente lontano.

Se vi sentite anche voi soli, sappiate che ci sono persone che si sentono così. Ma pensate a coloro che vivono nel deserto da soli, perché non hanno bisogno di nessuno?? Pensate agli eremiti, a coloro che vivono una vita lontano da tutto. Possiamo avere amici ma in primis noi dobbiamo esserlo e per esserlo bisogna imparare a stare da soli. La lotto dell’uomo con se stesso è la più dura che ci possa essere. Ma è anche quella più necessaria…voglio dire la vita cambia, “panta rei”dicevano i greci. Se la vita cambia, non possiamo pretendere che le persone che ci circondano restino sempre uguali e in fondo nemmeno noi. Dobbiamo accettare il cambiamento e sapere che noi siamo i veri artefici della nostra vita. Prima noi, poi gli altri.

Non confondete le mie parole con l’egoismo. Insomma.. io penso che avere degli amici sia una cosa importante.. però prima di costruire un vero rapporto di amicizia bisogna porre delle basi solide. Bisogna contare prima su sé e poi sugli amici. E se le cose cambiano, accettare il cambiamento e farne parte. Essere così resilienti.

Tutti abbiamo gli strumenti per realizzarci, dobbiamo solo imparare ad usarli.