pensieri sparsi

Generalmente mi passano tantissime cose nella testa. I miei pensieri non riescono a fermasi, forse solo quando faccio sport, cosa che per me è necessaria proprio per questo.

Negli ultimi anni penso a varie ipotesi riguardo la mia vita… penso alle ipotesi peggiori tipo ‘cosa farei se morisse questa persona??’, ‘cosa farei se finisse un amore??’..ma soprattutto ‘cosa faccio dopo l’università??’ (sempre se mi laureo).
Non so ancora dare risposte a queste domande perché non dipendono da me, o almeno solo in parte. Spero di non dover pensare al primo interrogativo e di farlo al momento giusto.
Prima di mangiare io e G. facciamo un gesto particolare, una specie di cin-cin con le forchette (per farvi capire quanto ci piaccia mangiare) e, quando qualcosa non mi va, sono sicura che lui la mangia al posto mio. Una volta all’all you can eat si è dovuto mangiare una barca di sushi (schifoso) da solo perché altrimenti lo avremmo pagato..
Ecco, la fine di un amore me la immagino così, con me che non so a chi fare cin-cin prima di mangiare e, anche se non sembra, un gesto come questo ti riempie il cuore e l’anima. Quando sto fuori senza di lui mi mancano questi gesti, non so con chi condividerli..mi ritrovo a mangiare cibi che odio per non lasciarli nel piatto e so che lui per me avrebbe fatto anche questo.
La fine di un amore è la mancanza di piccoli gesti, magari uno non ci pensa, ma poi seduto in un pub con degli amici ti vengono questi ricordi e si crea un soffio nel cuore.
La domanda sul cosa faccio dopo l’università è un’ansia, perché sta per finire il mio percorso…cioè manca ancora un po’ ma devo cominciare a pensarci.
A Marzo tantissime persone che conosco se ne vanno, rimarrò quasi da sola. Ho paura di ritrovarmi da sola, di sentirmi lì come mi sento qui.. proprio adesso che avevo trovato  una specie di isola felice. Vorrei prendere anche io le valigie e partire, andare a sbattermi non so dove per non pensare, fare nuovi amici che poi perderò di nuovo e così via…

Che palle la vita, eh!?

Poi l’altro giorno pensando alla morte mi è venuta una domanda che mi piacerebbe porvi: se un giorno moriste, vi mancherebbe più il rapporto che avete con gli altri o quello che avete con voi stessi? Vi mancherebbero più le persone che vi circondano o voi stessi??

 

 

Annunci

2 pensieri riguardo “pensieri sparsi”

  1. Ciao! rispondo alla tua domanda….mi mancherebbero di più le persone intorno a me e il rapporto che ho con loro.
    In particolare mio marito e i miei genitori, perché io ogni giorno mi impegno ad essere una persona migliore per loro, per dare loro gioia, per farli stare meglio. Non c’è bisogno che me lo chiedano, mi viene spontaneo.
    Senza queste persone non avrei alcun desiderio di migliorare anzi peggiorerei …. e non mi mancherei affatto…
    buona continuazione

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...