Blu ed indaco

“Mia piccola Amélie, lei non ha le ossa di vetro. Lei può scontrarsi con la vita. Se lei si lascia scappare questa occasione con il tempo sarà il suo cuore che diventerà secco e fragile come il mio scheletro. Perciò si lanci, accidenti a lei!”

Raymond Dufayel (Serge Merlin) 

Sono qui, in questa stanza che avevo chiesto espressamente blu ed indaco, perché pensavo che fossero due colori che potevano lenire la mia inquietudine quando ero una diciassetenne. A distanza di otto anni non è cambiato molto, sono sempre in questa stanza blu, a cercare di lenire qualcosa che non so nemmeno io cosa sia.

Mi sento come Amélie Poulain. Sono passati così tanti anni da quando pensavo di essere cresciuta, invece ora mi sento più fragile, più debole, più insicura di sempre.
In questi anni c’era G. a lenire le mie inquietudini, ora sono sola in questo blu.
Sono sola e son tornata a vedere il mio futuro nero pece, come sette anni fa. Son tornata a leggere per salvarmi, a leggere per trovare la forza, a leggere perché mi sento così piccola per un mondo così grande, per le mie paure che sono così grandi, per tutto.. mi sento piccola per tutte le cose del mondo.
Sento che le mie ossa sono ancora di vetro, che la me diciassettenne è ancora lì, più forte che mai.

Pensavo di essere cresciuta, di essere più forte. Mi sento, invece, solo molto più sola e più delusa da me stessa, mai, mai, mai come ora. Non riesco più ad ascoltare una canzone senza che la tristezza mi assalti e la delusione… Come si fa a perdonarsi? Come si fa a ricominciare?? Come si fa a fare tutto?

Se l’I. bambina potesse guardarmi, ora mi darebbe un abbraccio e mi direbbe che ancora qualcosa si può salvare, sarebbe clemente e gentile, come tutti i bambini.

Come dicono i FASK “una volta si può sbagliare”. Forse.