Le nostre spalle devono essere grandi e forti.

Mi chiedo che cosa stiamo aspettando.. ” che sia troppo tardi, madame”

Oggi mi riecheggia in mente questa frase di Baricco. Non è un periodo bellissimo della mia vita. Mi sto per laureare e non mi va. Anni a studiare per poi arrivare a cosa?? Nulla. Odio questo posto, mi sento in trappola. Mi sento come se in questi anni non avessi costruito niente, come se qui non mi appartenesse nulla. Forse ho sbagliato a concentrarmi troppo sull’amore.. il problema è che lui mi fa stare bene. Siccome quello che dai non sempre torna indietro allora ho deciso di fare solo quello che mi fa stare bene, anche se stare bene implica il fatto che passo molto tempo con lui. Non sono mai stata una persona molto socievole, dopo S e S non credo che potrò ritrovare altre amiche e sinceramente nemmeno mi interessa. Mi piace essere e sentirmi libera senza necessariamente dover fare qualcosa per qualcuno. Essere indipendente nella vita è una cosa non importante, fondamentale. Tanto alla fine se tutto va bene, ne resta uno come si deve, due..al massimo tre ma più di tre dita non posso fare veri amici. Tutti costruiamo le nostre fortezze qui..sulla Terra.. ma la vita non ci mette niente a spazzare via tutto. A privarti di ogni cosa.
Quindi pensate a ciò che vi stare bene, fregatevene di dire di sì questa sera a chi non vi sta simpatico. Imparate che bisogna sentirsi a proprio agio con le persone, che non con la forza si costruiscono i rapporti ma solo con tanta pazienza. Siate forti. Se vi sentite soli, fate un respiro, scrivete, ascoltate musica. Riflettete sul perché vi sentite soli e sappiate che una chiacchierata ogni tanto fa bene, potete parlare con tutti; ma che alla fine nessuno vi risolve i problemi. Che un abbraccio è fondamentale ma non sempre si può avere. Imparate a vedere le cose con nuovi occhi. Siate forti. Non siete soli in fondo. Per voi ci sarà sempre qualcuno, anche io ci potrei essere, che sono dietro questo pc.
Ho imparato che più che avere degli amici, noi abbiamo bisogno di essere ascoltati, di qualcuno che comprenda, che semplicemente si butti addosso tutta la nostra sofferenza o frustrazione. E poi la scacci via insieme alla sua. Insomma.. è così.
Quest’anno sto riflettendo su questa cosa perché in questo posto, lontano dal divertimento di qualche anno fa, la solitudine e la tristezza si sentono molto di più. Ma è una sfida, io la vedo in questo modo. Bisogna essere resilienti, bisogna imparare ad adattarsi ovunque e pensare che verranno situazioni migliori che noi accoglieremo a braccia aperte e, se verranno situazioni peggiori, allora sapremo come affrontarle. Ci vogliono spalle possenti per vivere, come dice la pubblicità di Head&Shoulders. Non possiamo permetterci di avere della forfora, qualcosa di sporco, qualcosa che non c’entra nulla. Le nostre spalle devono essere grandi e forti. Per riaccoglierci quando ricadremo. Se anche voi vi sentite così.. non siete i soli. Dovete prendervi cura della vostra anima e non permettere alla società e a nessuno di annientarvi.
Perché purtroppo le circostanze non si possono cambiare.. qualche volta per quanto la sete di cambiamento sia forte, per questioni burocratiche, economiche, familiari ecc..dobbiamo restare dove siamo; per tutto quel tempo non possiamo lamentarci,  ma rimboccarci le maniche e pensare che un giorno saremo ricompensati.
Le persone che ci vogliono davvero bene non le dobbiamo rincorrere,  vengono loro da noi.
Certo..ogni tanto bisogna andargli incontro ma non vi affannate nel farlo, perdete voi stessi nella corsa. Correte per voi e per i vostri sogni e per qualsiasi cosa voi vogliate fare.

Io ammiro tanto chi crede in Dio. E’ un’altra cosa sulla qualche sto riflettendo per diversi motivi. Comunque molto spesso partiamo prevenuti anche perché la Chiesa cattolica ci fa passare la voglia, ma Dio è un’altra cosa. Credere in Lui è avere qualcuno che ti pulisce le spalle e ti dice: non ti preoccupare, ci sono io. Un amico onnipotente e onnipresente. Tutta sta nel crederci, ma veramente. Anche se ciò richiede un cambiamento netto.

Insomma… così. Oggi mi sento abbastanza giù e avevo bisogno di ricordare a me stessa queste cose e ho deciso di condividerle con voi, qualsiasi persona ci sia dall’altra parte a leggere.

 

Annunci

Venti anni e ventuno casini da sistemare

Dunque…che dire della mia vita in questo momento?
Venti anni e molti altri da recuperare.
Venti casini al giorno e molti altri da inventare.

Son successe e stanno accadendo veramente tante/troppe cose. Ho incontrato molte persone, se ne sono andate tutte. Ognuna mi ha lasciato qualcosa, anche se L. è colui che mi ha cambiata di più.
L. è una persona di quelle che incontri una volta nella vita ma non sono riuscita a capirlo. Avrei voluto farlo, avrei voluto aiutarlo ma.. ho avuto paura. Paura perché so che mi potrebbe spezzare il cuore e, al momento, il mio istinto da crocerossina lo dovrei riservare solo per la mia vita..considerato che dire che ho il caos in testa è come dire: “Oggi ho mangiato per pranzo la pasta asciutta”.
Ed è brutto dover lasciare stare una persona che ti piace così tanto perché ormai sai come andrà a finire.

Sono un uragano. Ecco.. questa è la parola giusta!!
Un uragano di follia, di rispostine acide, di abbracci e lacrime improvvise, di sfide, di sguardi, di “lasciatemi in pace, per favore”.
Lasciatemi in pace. Non cercatemi, non guardatemi, non snobbatemi se avete fatto l’amore con me la sera prima, non usate parole che bucano il cuore, non cercate di capirmi, non non non non…
Non so più che pensare. Solo che sono stanca di lasciare pezzi di cuore a tutti, di fare la cosa giusta, di preoccuparmi sempre di come si sentono gli altri e mai di come stia io veramente.
Vorrei solo un amico. Qualcuno di nuovo con cui passare il tempo, senza dovermi preoccupare se sono abbastanza. Senza dovermi preoccupare di essere una delle tante o di essere la me stessa sbagliata, quella che risponde, che grida, che ti manda a quel paese, che ti lascia da sola.
E’ così che vanno le cose in questo momento.
Sto male.. sto male perché i problemi in famiglia ti annientano, ti distruggono. Mi sento come un pesce dentro un acquario… un acquario bello però sempre con dei confini.
Mi sembra davvero di impazzire. Vorrei solo spegnere il cervello. Non pensare a tutte queste cose, smettere di farmi milleeuno problemi su come sono fatta, se sono sbagliata, se sono più brutta o più bella di quelle ragazze con lo shatush, il loro tacco universitario e il loro modo di portare la borsa “a mo’ di cazzotto”; o di quelle con il piercing che vorrei, ma che han tutte. Boh, sembriamo uscite da una fotocopiatrice. Come quelle delle copisterie che stampano così tanti fogli in un minuto che non capisci più nulla.
Le mie insicurezze stanno uscendo fuori una ad una e non riesco a gestirle. Perché??
Perché negli ultimi due anni ho lasciato un pezzo di me a tutti e io mi sono ritrovata sola, indifesa e stanca. Ho dato agli altri senza pensare che c’ero pure io. Perché non sono belli e bravi e perfetti sono gli altri, ma lo sono anche io. E mi viene da piangere pure adesso che lo scrivo perché ho voluto davvero bene a persone che non si sono fatte il minimo problema a scomparire e dimenticarsi di tutto. Anche io ho fatto del male, però me lo concedo. Me lo concedo perché in venti anni non ho fatto male ad una mosca, mentre a me arrivano e mi spiaccicano come le zanzare d’estate. Scusate la metafora, ma rende abbastanza il concetto.
Non mi va più.. voglio stare in pace ed essere innamorata e affascinata da me stessa così come lo sono con gli altri!
Devo ricordarmi che per ogni persona che perdo, lei perde me.

“Anche se il timore avrà sempre più argomenti, tu scegli la speranza.” – Seneca

Eccoci qui!!! E’ un bel po’ che non scrivo sul blog! Non che io non ci abbia pensato, solo che sta diventando sempre più difficile scrivere. Lo diceva Pavese che scrivere è un mestiere!!!

E’ che fino ad ora ho scritto sempre quando ero triste e questo mi ha portato un po’ ad associare la scrittura alla tristezza, ma io non sono così.
Sono tristezza e malinconia, ma anche leggerezza e felicità, solo che le ultime fatico a esternarle, almeno qui, almeno nella mia anima.

La mia professoressa di letteratura al liceo diceva che Leopardi in fondo era un ottimista ed io l’ho pensato sin da quando, da piccola, mi fecero imparare a memoria “Il Sabato del villaggio”. 
Perché, nonostante l’ambiguità della constatazione, la felicità e il dolore vanno sempre insieme. Come il sole e la luna o l’amore e l’odio.
Odiamo ciò che amiamo, amiamo ciò che odiamo.
Così c’è sempre un po’ di tristezza nella felicità e un po’ di felicità nella tristezza.
Solo che si tende sempre a far emergere una sola delle due cose, anestetizzando l’altra e ciò non è produttivo perché bisogna lasciare che le sensazioni fluiscano, come un fiume …e non bisogna soprattutto avere paura.
Non bisogna avere mai paura.
Tutto in fondo è una questione di prospettiva!

A proposito di questo, ultimamente sono arrivata anche ad un’altra constatazione.. Cioè che nella vita non sempre otteniamo quello che vogliamo, anzi quasi mai. Però la forza e l’intelligenza non stanno tanto nell’avere la “pappa pronta” o nell’ottenere sempre ciò che si vuole; sta anche nell’adattarsi e nell’imparare a essere felici con ciò che già si possiede. Bisogna solo imparare a guardare le cose con occhi diversi, usare delle lenti a contatto colorate!!

Danzare, ecco! Si deve danzare e non smettere mai di farlo! Non opporsi alla tempesta ma ballare con il vento e farsi bagnare dalla pioggia. Non andare sempre contro la corrente, ma lasciarsi trasportare da essa e lasciare che le cose accadano, senza avere paura.
Iniziare le giornate con un po’ più di leggerezza e allontanare l’arrivo di brutti pensieri con quelli nuovi e più belli. 
Bisogna avere fiducia nella proprie possibilità e qualità, non pensare sempre che gli altri siano migliori di te… anzi! Quando qualcuno non si comporta come dovrebbe, un bel vaffanculo non guasta. Tanto, come dice il proverbio, “chi non ci sta, non serve”. 

Questo è un po’ quello che mi è passato ultimamente nella mente. Magari dopo approfondirò meglio, per adesso già è tanto se sono riuscita a mettere insieme due parole!! 
Ho imparato queste cose perché ho avuto una discussione con delle persone che mi hanno detto  parole che mi hanno- letteralmente- trafitto il cuore.
Adesso, grazie anche a loro, sono un po’ cambiata.. certo non è semplice, ma provare non costa niente.. 

Nobody said it was easy, nobody said it would be this hard.

Avete presente la boxe?? Non è che sia uno sport che io ami particolarmente, però spesso sento di stare come in un incontro di quel tipo con la vita. E c’è la vita che continua a darmi pugni, calci, a farmi male, anche se io mi sono arresa e sono distesa per terra con un filo di speranza che prima o poi venga qualcuno a salvarmi. Ma non arriva nessuno. E io resto lì, immobile, con tutto quel dolore dentro che nessuno può immaginare.

E’ così che fa la vita. C’è una canzone di Venditti che dice “..e quando pensi che sia finita, è proprio allora che comincia la salita” ed  è vero. Se state male, non credete che qualcuno vi aiuterà o che le cose andranno meglio e sarete sempre felici, perché non va così. E ve lo dice una che ci crede sempre. Ed è per questo che rimango delusa.

Stavo/sto leggendo un libro che qualcuno di voi conoscerà.. si chiama “Messaggio per un’aquila che si crede un pollo”.. E’ un libro molto particolare, uno di quei libri che ti fa aprire gli occhi. Perché se ci pensate bene.. chi ha detto che non meritiamo quello che abbiamo o che non abbiamo? Chi ha deciso che “io sono  meglio di”? Chi ha detto che ci è dovuto qualcosa? A noi? Proprio a noi su 7 miliardi di persone?!

Sapete che c’è.. c’è che la cultura occidentale ci ha fatto credere in una marea di cazzate. Ecco che c’è. Adesso capisco Nietzsche, Schopenhauer. Loro avevano capito tutto.

Crediamo che le persone ci saranno sempre, rimaniamo delusi perché poi non sono come ci aspettiamo. Bene. La verità è che noi ci innamoriamo delle idee e non delle persone. Chi ci aveva detto che quella persona era meravigliosa se non la nostra testa?! Ecco perché poi ci ritroviamo a soffrire.

So che è tutto confuso quando scrivo così, ma credetemi, non c’è nulla che io riesca a capire in questo momento. La mia vita è un disastro, come uno di quei puzzle immensi che non riesci nemmeno ad iniziare. E’ solo caos. E in questo momento c’è tanto dolore, tanta sofferenza, rassegnazione e una delusione immensa. Di chi ha il coraggio di dirti “ti voglio bene” e poi ti lascia in mezzo ad una strada quando ne hai bisogno. Ecco che fanno le persone.

Se avete avuto il coraggio di arrivare alla fine di questo intervento e siete attaccati immensamente a qualcuno, sappiate che prima o poi vi deluderà e vi spezzerà il cuore. Non attaccatevi troppo a qualcuno. Siate autosufficienti perché nella vita potrete sempre contare solo su voi stessi e sulla vostra forza. So che è difficile, quasi impossibile, ma pian pian, passo dopo passo, tutti ce la possiamo fare.

E so che molti di voi non mi crederanno, ma è una vita che mi capita, credetemi. Nessuno lo sa meglio di me. Vi auguro di trovare qualcuno che si prenda cura del vostro cuore, ma prima di questo imparate a prendervene cura da soli. Perché come diceva la mia prof. di inglese “in amore ci vuole almeno il 20% di razionalità”. Ed è così. Preservate un po’ la vostra anima da questi strappi. Perché molti non si rimarginano in fretta ed alcuni per niente.  Il cuore è bello, ma seguire solo quello tante volte ci porta a sbattere contro qualcosa che è più grande di noi.

Avevano ragione gli stoici, gli epicurei con quelle storie sull’atarassia, sull’autosufficienza ecc… L’ho sempre detto che gli antichi greci ci avevano capito tutto!

Insomma non so nemmeno più che dire perché sono arrivata al punto del vuoto e del caos più totale..

ciao a tutti