Il solista: angeli e funamboli

thumb_movie-il-solista.233x330_q95_box-0,0,673,1000.jpg

Voto: 7/10

Stasera vi parlo di un film che ho appena finito di vedere.

Forse in tutti questi anni non ho mai raccontato di quanto io ami il cinema. Lo amo.
Amo le storie le raccontano, la bellezza dei personaggi, il modo in cui li vestono, le musiche che fanno da sfondo, i primi piani degli occhi e del viso..mi piace il cinema perché mi trasmette un’idea di realtà diversa da quella che vivo tutti i giorni ma, in fondo, uguale.

Il film di cui vi voglio parlare oggi è “Il solista” di Joe Wright, lo stesso regista di Orgoglio e Pregiudizio (per chi lo avesse visto).
E’ un film che parla di un musicista palesemente schizofrenico che suona in modo egregio violoncello e violino, uno di quelli che ha la musica nel sangue.
Non vi racconto tutta la storia ma cito solo una frase che viene detta alla fine:
“Un anno fa ho conosciuto un uomo che è caduto in disgrazia e ho creduto di poterlo aiutare ma non so se ci sono riuscito. Il mio amico non vive più in strada, ha una casa, ha un letto ma il suo stato mentale e il suo benessere sono precari come il giorno in cui ci siamo conosciuti. [..] Ci sono scienziati che dicono che essere amico di qualcuno fa cambiare la chimica del cervello, migliorare l’interazione col mondo. [..] Posso dire che   vedere il coraggio del sign. Ayers, la sua umiltà, la sua fiducia nella forza della sua arte, mi ha insegnato la dignità di essere fedeli a ciò che si crede, a non rinunciarvi mai e soprattutto a credere, senza il minimo dubbio, che ci permetterà di sopravvivere.”

Questo film mi ha lasciato sensazioni particolari e diverse. Mi ha fatto pensare alla fragilità e alla debolezza del genere umano, a quanto cerchiamo di essere forti ma spesso c’è sempre qualcosa più forte di noi.
A quanto ci inganniamo (o forse no) di pensare che andrà tutto bene, che ci stiamo integrando perfettamente, che in fondo la società non è così male e che i compromessi che raggiungiamo ogni giorno ci porteranno a scoprire la verità o ad illuderci che saremo felici. Mettiamo pietre sui comportamenti sbagliati delle persone, sui nostri, sulle notizie che sentiamo in tv, alla radio, sui giornali, mettiamo pietre sulla dignità dell’uomo ogni giorno attraverso bombe, nudi, porno, guerra, sangue, malattie, violenza, droghe, infelicità.
Non so dove tutto ciò ci condurrà.. sembriamo degli angeli come Lucifero. E allora mi viene da pensare davvero che solo coloro che sono matti sono riusciti a carpire il senso vero della vita e del mondo. Noi non siamo abbastanza puri da poterlo fare, ci raccontiamo troppe balle.

Ma non è anche questa poesia?? La nostra continua illusione finché questa diverrà davvero la realtà perché alla fine, l’importante è crederci fino in fondo..di qualsiasi cosi si tratti.
Siamo angeli e funamboli.

Annunci

Che cos’è l’amor?!

Cosa è una cellula??
Cosa è una stella??
Cosa è un atomo??
Cosa è l’amore??
Tutti sappiamo rispondere grossolanamente alle prime tre.. per l’ultima abbiamo un po’ di problemi.
Sapete io che vi dico??
Che l’amore è il sentimento più sopravvalutato che ci sia.
Tutti, fino a un certo punto della nostra vita, pensiamo che l’amore sia quello che ti riempie la vita, che ti completa..l’amore è un sueno. No, la vita è un sueno..e pure senza amore.
L’amore è solo la cornice, noi siamo il quadro.
L’amore sono i fiori, ma essi non bastano per fare la primavera.
E un colpo di fulmine non è amore. I fuochi di artificio scompaiono presto.
L’amore è incontrare qualcuno, innamorartene e poi viverlo ogni giorno, per capire che in fondo è fatto non solo di baci, di carezze, di sesso, di voglia di vedersi e desiderarsi. L’amore è fatto anche di gelosia, di incomprensioni, di difetti da accettare ed urla perché due persone uguali non esisteranno mai e due persone diverse non si capiranno mai del tutto.
Tu incontri quella persona, te ne innamori e poi giorno dopo giorno decidi di costruire qualcosa insieme per rinunciare a qualche altra cosa: tempo, spazio, sogni, comodità.
L’amore è quello che ti fa scegliere il sacco a pelo piuttosto che l’albergo a cinque stelle..ma quando ti ci infili con la persona che ami sai che il tuo posto e lì e che sopportare qualche sassolino sotto la schiena ne vale la pena.
E’ sentire di essere incompresi e arrabbiarsi per questo..ma è anche abbracciarsi dopo che si è litigato e sapere che quel pezzo di cuore ti fa sentire amata come nessuna altra cosa al mondo.
E’ stare lontani e preoccuparsi perché non puoi sapere cosa stia facendo l’altra persona..ma è anche ritrovarsi, guardarsi negli occhi e capire che è andato tutto bene.
E’ darsi uno schiaffo e poi baciarsi appassionatamente con le lacrime agli occhi..perché:
ti sto odiando per il male che mi stai facendo in questo momento però quando ti rivedo giuro che non ti lascio più andare via e che respirerò ogni pezzo di te.
E’ dire cose che non si vogliono dire: per me è giusto che tu faccia questo…questo può essere andare lontano per lavoro e lasciarti sola..è partire con la sua storica fiamma.
Perché l’amore è libertà e tutti siamo liberi di fare quello che vogliamo.
E’ dire “vai” e poi sentirsi dire che qualcuno ha preso il nostro posto.
E’ dare tanto e rischiare…perché non è detto che torni indietro..anzi torna indietro, ma come un boomerang..dritto in faccia!
L’amore è leggerezza, ma è anche sofferenza e questo non ce lo dice nessuno.
Perché è comodo credere che qualcuno ci completi..non è così.
Noi dobbiamo essere completi da soli, anche se non vorremmo.
Tutti vogliamo lasciarci trasportare dalle ali meravigliose dell’amore..ma se cadiamo poi rischiamo di farci male. Quindi meglio restare con i piedi per terra e viversi piano ogni giorno.
In fondo la verità è persino più bella della fantasia.
Perché quando, nonostante la realtà, resti con qualcuno, è perché stai combattendo contro mille cose e perché ci tieni, perché le tue paure superano quello che provi e resti.
Resti a ballare sotto le stelle, ma resti anche ad aspettare un passo che l’altro non farà mai, allora ti toccherà stare sotto la sua porta, in attesa che venga ad aprirti per fare pace.
L’amore non è quello delle favole..ma è quasi meglio.
Perché lo senti nella pelle e ti fa male. Ma poi arriva qualcuno ad accarezzarti su quel sottile lembo di pelle e torna tutto come prima, se non meglio!

Aggiornamenti di storie e speranze.

Ciao a tutti!
Ultimamente inizio le mie scritture sul blog sempre con la stessa frase cioè che è un bel po’ che non scrivo qui! Questa volta il problema principale è che sto avendo problemi con il computer.
In occasione dell’inizio di questo 2015 però qualcosa va detta.

Il duemilaquattordici è stato un anno bello per me, sofferto in alcuni periodi però sono cresciuta tanto e ho fatto molte esperienze. Ho conosciuto gente nuova e sono stata fiera di me nel momento in cui alcune persone mi hanno ferito nel profondo ed io ho usato quella sofferenza per rialzarmi e aprirmi al mondo.
I. è la persona che più di tutti mi porterò nel cuore. L’ho rivisto prima delle vacanze di Natale ma ero con G. quella sera e lui mi ha guardata senza dire niente. Al mio compleanno mi aspettavo i suoi auguri ma non sono arrivati.
G. è il mio ragazzo… adesso mi fa davvero strano dirlo infatti quando mi chiedono se io mi sia fidanzata, per una specie di scaramanzia rispondo sempre di no.
Il fatto è che ormai lo sanno e ne parlano tutti e questa cosa mi dà fastidio perché non è ufficiale.
G. è mio amico da quando abbiamo iniziato l’università. Siamo molto diversi, lui è una persona molto razionale, pacato e tranquillo, dolce ed estremamente romantico alcune volte. Io non sono per niente razionale, sono perennemente incazzata con qualcosa o con qualcuno e faccio fatica ad esternare i miei sentimenti.
Lui è l’unica persona che riesce a lenire le mie inquietudini.
E’ una storia molto strana perché era più o meno un anno che si notava qualcosa tra di noi però lui non ha mai fatto niente ed io non mi sono mai esposta più di tanto proprio perché temevo che fossimo troppo diversi per stare insieme.
Una sera ci siamo baciati e da lì è nata questa strana coppia di due persone che non c’entrano niente l’una con l’altra.

Non ho mai avuto così tanta paura perché mi sono resa conto che gli voglio davvero tanto bene e lui è una persona con mille problemi sotto alcuni punti di vista che, se non affrontati con delicatezza e complicità, ci potrebbero portare ad allontanarci.
Spesso mi viene voglia di lasciare perdere e tornare a fare stragi di cuori (soprattutto del mio) perché è risaputo che a me piace la bufera.
G. è l’unico che ha portato la calma di un cielo di primavera ed il candore delle lenzuola bianche appese sulle terrazze dei palazzi dove ci si nasconde per respirare.
Lui per me è come una dose di pace. Quella che un’anima come me non troverà mai.
Infatti continuo a provarci, nonostante le difficoltà e i miei pensieri, perché per la prima volta forse ne vale davvero la pena.
E’ che io non vorrei perderlo però l’amore più lo stringi, più fugge..quindi è inutile forzare le cose. Inoltre aver passato tanto tempo da sola e aver ricevuto delusioni molto forti ti portano ad avere un po’ di problemi nell’aprirti e nel fidarti di qualcuno.
Poi abbiamo avuto anche qualche incidente di percorso…il suo migliore amico era infatti innamorato di me. G. una sera si presenta a casa e mi dice che è meglio lasciare perdere, che solo una volta si era innamorato veramente di qualcuno ed era stato anni prima e che poi non gli era mai più successo e che un amico, in passato, gli avevo rubato la donna che amava e lui non voleva ripetere la cosa.
Quella sera mi ha lasciato con il cuore a pezzi e lacrime da coccodrillo e un vuoto dentro che, per la prima volta, non riuscivo a colmare.
Dopo le sue confessioni è tornato a casa sua, ha parlato con un nostro amico e dopo venti minuti è tornato con il fiatone, tutto sudato a chiedermi scusa.
Che dite..lo posso perdonare??
Non lo so. E’ che quelle parole mi hanno ferita e me le porto ogni giorno dentro, soprattutto adesso che siamo lontani e che non posso guardarlo negli occhi per cercare di capire i suoi pensieri.
E’ che io sono sempre alla ricerca della verità, quindi preferisco soffrire da sola piuttosto che sapere che sto con qualcuno che non mi ama abbastanza.

Questo duemilaquindici è iniziato un po’ male perché alla fine ho litigato con alcune mie amiche, ma il proposito dell’anno sarà farmi scivolare alcune cose addosso, come quando nuoti in mare aperto nuda e senti l’acqua che ti accarezza.
Alcune persone non meritano le mie preoccupazioni e se vogliono continuare a buttare la loro dignità come i coriandoli a Carnevale, continuassero.
In questi casi sono fiera della mia vecchiaia mentale precoce e della mia pesantezza in fatto di premure nei confronti delle persone a cui voglio bene.
Se il problema sono io, siete pure voi. A ciascuno le propri croci.
Basta ad infliggermi sofferenze che non merito.

Non ho propositi particolari per il nuovo anno se non quello di stare il più tranquilla possibile e non arrabbiarmi troppo perché il mio bisogno di giustizia mi sta portando davvero a perdere la salute!! Dovrei essere leggermente più menefreghista.
Voglio vivere giorno dopo giorno e imparare a respirare.

Che altro dire…. speriamo bene! Io auguro a tutti voi un felice 2015! Che vi possa portare tanta gioia e serenità, che possiate trovare la forza necessaria ad affrontare i vostri problemi, che possiate godere del calore delle fiamme dell’inferno e della leggerezza delle nuvole del paradiso.
Vi auguro di sorridere, di divertirvi, di imparare ad amare i vostri figli e viziare i vostri nipoti, di ammirare l’arte e ascoltare i suoni della natura che si risveglia, di baciare ogni giorno la persona che amate e di avere tempo la mattina per indossare la giacca che vi dona di più.
Promettiamoci di avere speranza.
Buon 2015!!!!!

E’ lì che pesa la vita.

E’ vero che sento il bisogno di scrivere. Infatti, qui, sul blog, scrivo spesso.
E’ sulla carta, sulla mia moleskine con su inciso “C’è un nuove sole ogni giorno” (sì, la stessa frase.. quella è la moleskine del mio periodo buio), nero su bianco…. che non riesco a farlo.
Stasera volevo prenderla e riprovare..poi però mi sono spaventata. Credo di non riuscire più a scrivere sulla carta perché è troppo vero. Perché se le vedi e le senti le lettere, quel piccolo universo in cui si incastra tutto il sentire del mondo.. se tocchi l’inchiostro con le tue mani, se il fianco del mignolo destro si fa nero.. è perché è proprio lì che pesa la vita.
Mi viene più facile scrivere qui. Forse perché tutto questo c’entra poco e niente con la vita di tutti i giorni. Sicuramente c’entra di meno di quella moleskine con i biglietti dell’aereo in mezzo, quelli dei concerti, delle foto e delle poesie, della foglia che ho raccolto quel giorno in Inghilterra.

Che poi…non so se ci avete fatto caso ma quando racconti qualcosa, scrivendola, sembra molto più bella. Scrivere ti dà il potere di dare significato anche a ciò che non sei riuscita a vivere fino in fondo, a quelle storie che dovevano essere stupende, invece poi si sono rivelate deludenti.

E’ iniziato il duemilaequattordici. L’unica cosa che mi viene da dire è..”Cazzo, ci siamo.”
Sì, perché questo è l’anno delle scelte importanti. Dovrebbe essere l’anno in cui deciderò di essere felice.. è l’anno del concerto a Milano da sola. E’ l’anno di nuove consapevolezze e di una nuova coscienza che non se ne va più.
Sono cresciuta tanto..non mi sono mai sentita così “donna” in vita mia. E’ molto difficile..soprattutto capire certe cose..
Non è che io sia sola…però ho paura che quando si accenderanno quelle luci e tutti si abbracceranno, grideranno, si guarderanno e piangeranno..io mi guarderò intorno e mi sentirò sola. Perché non avrò nessuno con cui condividere quella gioia immensa.. e forse sarà la volta buona che mi metterò davvero a piangere ad un concerto.
Vallo a spiegare a tua madre che quello di cui hai paura non è prendere un treno o girovagare sola in una città che non conosci…quello di cui hai paura è sentirti sola. Perché ci sono già passata e non voglio che accada mai più.
So anche che però è importante fare le cose da soli, perché significa crescere. Per cui ci andrò.
Ho sempre vent’anni.

Uno si immagina di prendere una valigia e di andare via. Però il mondo lì fuori è davvero brutto. Ne succedono di tutti i colori e avere qualcuno con cui stare sempre sarebbe davvero una bella storia da raccontare..
Solo che qualcuno ha la fortuna di poterlo fare e qualcuno, invece, deve cavarsela da solo.
Bah…ben venga. Ben venga tutto, sia il bene, ma soprattutto il male.
Perché tanto, prima o poi, vinceremo.

Le cose in cui credo.

Giovedì sera mentre parlavo con alcuni amici, ad un certo punto ho detto una frase che ha fatto rimanere “di stucco” molte persone, cioè che io non credo quasi in niente.

Mi ci son messa a pensare mentre tornavo a casa e ho cercato di spiegare a me stessa questa cosa.
Mi sono stilata nella mente una serie di cose belle in cui credo e, anche se quel momento è passato, cercherò di scriverle qui.

Io credo:
-nella musica;
-nei libri e nella scrittura. Nei periodi in cui mi sento persa, trovo sempre una parte di me dentro i libri che leggo, che mi trasportano altrove e mi fanno dimenticare il mondo là fuori per intere ore. Credo in questa specie di desiderio e di bisogno di condividere con gli altri quello che penso e, quindi, cercare di tenermi tutto dentro per usarlo, per condividerlo, per raccontare qualcosa;
-nell’arte in generale. Nelle sindromi di Stendhal di fronte a un film che ti fa commuovere, ad una canzone, ad un quadro che resteresti a guardare tutta la vita. In quelle piccole note, quei colori, quelle lettere che ti salvano e ti fanno spalancare occhi e bocca come un bambino che scopre il mare per la prima volta;
-credo che non esista la bellezza nel mondo. Sinceramente non credo nella pace o nella bontà dell’uomo, non credo nella scienza e non credo nello sviluppo. Non credo nell’uomo in generale… per me, di base, facciamo tutti schifo. Non credo nell’economia e nella politica. Non credo che esistano poteri buoni e non guardo mai la televisione. Mi dà fastidio il modo in cui ci controllano ogni giorno e  nessuno si accorge che ci stiamo dentro tutti, chi più, chi meno.
Non credo nel mito della civiltà occidentale che essere un avvocato, un medico, un ingegnere ecc..significhi essere una persona riuscita. Non credo nei soldi.
Credo che nel mondo di oggi non vi sia bellezza. Però credo anche che la visione del mondo intorno a noi dipenda da come lo guardiamo. Credo nei piccoli gesti e mi piace osservare e ascoltare la gente. Credo in una specie di bellezza interiore, di chi non si è rassegnato a fare quello che gli dicono, ma cerca di scoprire, di conoscere e si stupisce ogni volta. Credo che ci siano del valori che non debbano mai venire meno nella vita di una persona. Credo nelle anime pure….quelle che riconosci subito.
Credo tanto nella verità, che va sempre detta. Anche quando può distruggere tutto. Credo in quei piccoli particolari che scorgi sull’autobus, in mezzo alla gente, in mezzo ad una folla, per strada quando due persone si abbracciano. Però credo che per vedere tutte queste cose bisogna soffrire, bisogna saper osservare e capire… e non tutti sono in grado di farlo;
-credo nel coraggio, nel cuore, nelle sensazioni che ci trasmette. Credo che la vita ci mandi dei segnali ogni tanto e noi dobbiamo essere in grado di coglierli e percepirli;
Credo pure che la vita sia una benedettissima stronza. Non ha gratitudine, non ha cuore, non ha sensibilità. Ti usa come un giocattolo e poi ti getta da qualche parte in mezzo a tanti altri giocattoli che non usa più. Ma credo che in mezzo a quei giocattoli ci sia più poesia che altrove. Che prima di essere vincitori, si è sempre vinti. Mi piacciono le persone un po’ disastrate, mi piace rimettere a posto le cose;
-credo nei figli. Vorrei tanto avere dei figli ed insegnarli tutto quello che so.

Insomma..non sono una di quelle persone ottimiste che pensa che il meglio deve ancora venire. Cazzate.
Vivo in una famiglia di persone oneste eppure ogni giorno vedo gli occhi di mio padre sempre più stanchi. Perché in Italia è lecito mettere una firma falsa, ma non è lecito non pagare una cosa che non ti tocca. (Non credo negli avvocati e nei notai. In tutto ciò che prende per il culo la vera giustizia e la vera fatica).
Quindi non mi venissero a raccontare storielle sulla bellezza delle cose e sul fatto che ci devi credere! Io non ci credo invece.
Ci crederò solo quando vedrò che le cose vanno veramente bene e sono GIUSTE.
Non credo nell’amore. Perché tante persone stanno insieme solo per inerzia e fino ad ora ogni persona che avrei potuto amare, se ne è andata, Scappano tutti da me..chi torna a casa, chi scappa, chi si rimette con la sua ex. Tutti se ne sono sempre andati da me e non so perché…quindi non mi venissero a dire: “Prima o poi arriverà qualcuno!” perché io non ci credo proprio. Almeno per il momento. Ci crederò se mai arriverà davvero chi resterà ed avrà le palle di stare con una così.

Credo poco anche nell’amicizia. Vedo persone che si prendono gioco di me, che non mi dicono mai la verità, ma non sanno che prendere in giro me è inutile. Ho il fiuto per le bugie..ho passato un’intera infanzia ad ascoltarle. So osservare i gesti e capisco quando una persona mi sta prendendo per il culo, ancor prima che possa aprire bocca. Ciò talvolta mi diverte, talvolta mi fa stare malissimo, quando a farlo sono persone a cui tengo.
Non credo nella vita e nella sua bontà del cazzo. Credo che però noi siamo in grado di guardare le cose da un’altra prospettiva. Che la bellezza non sia nella cose in sé, ma nel nostro occhio interiore…che nasce cieco e poi impara. Che tutto passi in questo nostro occhio..sia la luce che la tenebra. Ma non tutti sono in grado di sentirlo, perché fa male. Così, volta per volta, ci accontentiamo e diventiamo tutti uguali.
Credo in voi che capite quello che scrivo e non ve ne fregate. Che almeno cercate di capire. Che non siete superficiali, ma attenti osservatori, scrupolosi.
Credo di aver finito…anche se potrei continuare per tutta la vita.

Vivere la vita da leoni.

Ho momentaneamente, urgentemente e assolutamente bisogno di uno sfogo.
Dio santo quanto mi fa incazzare la gente! Perché se una persona ti è amica, ha bisogno di raccontarti delle cazzate per giustificarsi? Perché?
Che costa dire “stasera non esco perché non mi va” e dire invece “non posso perché domani mi devo svegliare presto o perché ho un (inesistente) impegno!”.. Vaffanculo a voi e le vostre cazzate!

A me non piacciono le persone che non sono capaci di affrontare le cose. Se dovessi scegliere tra il morire da leone dopo una sanguinosa e cruenta lotta in mezzo al fango e il morire da verme in una bella foglia bagnata dalla rugiada.. beh preferirei la prima! Sempre.
So di essere un disastro, me ne rendo conto..so di avere un carattere di merda (anche se in realtà basterebbe poco per rendermi felice), so di essere complicata.. ma io sono vera! Io sono vera perché me lo chiedo quello che voglio nella vita! Non faccio scelte dettate solo da mere comodità, non mi rifugio in una storia con una persona che non amo per sentirmi “protetta”, non scelgo l’università perché i miei genitori sono avvocati/medici/ingegneri/architetti e tutto.
Io mi guardo allo specchio e sbatto ogni giorno contro una verità diversa, che fa male, è vero… ma dopo un anno in cui sono cresciuta così tanto, vi assicuro che la verità è l’unica strada per crescere.
E guardarla, scovarla, accettarla significa avere le palle. Significa non raccontarsi cazzate per andare avanti. Significa essere uomini e innalzarsi. Perché la viltà non fa parte dell’uomo vero. Non che io abbia il coraggio di fare/dire tutto, però ci provo almeno. E quando sono vigliacca lo riconosco sempre, senza inutili giustificazioni..perché ogni tanto esserlo è umano.

Credetemi: le uniche persone che vi vorranno bene nella vita, vi diranno sempre la verità.
Potrete arrabbiarvi con loro, non parlargli per tanti anni e non farvi più vedere. Scappare. Ma alla fine vi renderete conto che quella persona che vi ha ferito, trafitto, era l’unica a volervi davvero bene.
Penso che dire la verità alle persone, significhi avere rispetto per loro. E se qualcuno vi fa una domanda, rispondere sarebbe gradito..perché, da parte di una che le fa spesso e non sente quasi mai una risposta, vi posso assicurare che fa schifo. Preferirei piuttosto una risposta secca al silenzio.
L’indifferenza tenetevela per i vostri nemici, conservate il dialogo e la verità con i vostri amici. Perché non c’è cosa più bella del sapere di avere qualcuno vicino che non vi tratta da stupidi, ma che vi dice sempre e solo la verità.

Lo dico per esperienza, perché ogni volta che una persona a cui voglio bene mi dice una bugia, mi spezza l’anima.
Per questo spesso, a costo di passare per stronza, non dico menzogne alle persone…è da quando sono piccola che mi imbottiscono di bugie e io le ho sempre odiate. Forse solo i bambini possono capire… Sì, perché mi sento come un bambino a cui era stata promessa una giornata al mare e alla fine vede suo padre che se ne va a lavoro e sua madre che prepara il pranzo come se glielo avessero promesso per il silenzio di cinque minuti.
Le uniche persone che mi hanno detto la verità, le ho sempre odiate. Adesso gli stringerei la mano.
Quando andai a parlare con Andrea e lui mi trattò in quel modo così brusco e freddo…beh in effetti lui lo fece per me. Perché è stato abbastanza intelligente da capire che l’unico modo per allontanarmi da lui era fare così. Spezzarmi in cuore e dirmi la verità.
Che poi quel giorno tra cristalli di ghiaccio, c’erano fiamme di fuochi enormi che non facevano altro che dirci “abbracciatevi”…è un altro discorso, però almeno lui ha fatto la sua scelta ed ha avuto le palle di dirmelo in faccia. A. è un leone e io l’ho sempre saputo, ecco perché mi piace(va) così…
Invece G. è ripartito senza nemmeno dirmi ciao…e quando (per l’ennesima volta) mi sono presentata lì per parlare di quello che era successo..lui non è stato in grado di dirmi nulla. E meno male che erano 7 mesi che gli piacevo!
Non so perché  io finisca sempre a parlare delle mie “storielle” però vi assicuro che alcune volte l’amore sembra il sentimento più adatto di tutti per spiegare determinate cose. Forse proprio perché le contiene tutte.

Comunque io vi auguro tanto di trovare il vostro pezzo di verità nel mondo, qualcosa o qualcuno che non vi ferisca con le sue bugie. Ve lo auguro con tutto il cuore perché scoprirle poi fa un male tremendo..
Il proverbio ha sempre ragione: “Tutti i pesci vengono a galla” oppure “Tutti i nodi vengono al pettine.”

Truth.

Quest’anno il giorno del mio compleanno ho deciso di regalarmi un po’ di verità. Niente auguri su Fb, ma solo dalle persone che mi vogliono veramente bene. Ed è assurdo come il numero scenda!
Ormai viviamo in un mondo in cui manca così tanta purezza, così tanta semplicità!

Oggi le persone che mi hanno augurato “buon compleanno” sono state davvero poche, ma son contenta lo stesso perché ho cercato la verità e mi son resa conto (anche se già lo immaginavo) di quali siano le persone che a me ci tengono veramente..quelle che aspettano la mezzanotte per mandarmi gli auguri e non scrivono semplicemente quelli, quelle che mi svegliano la mattina e mi regalano un braccialetto. Insomma, basta falsità e basta a far finta di volersi bene. Troppo facile ricordarsi di un compleanno su Fb o cose varie!
Grazie a tutti coloro che si ricordano di me quando si svegliano la mattina o la notte prima di andare a dormire. Senza doverlo leggere, ma perché ci tengono. Grazie!

Con sincerità, Scarlett!!